La neve non è cemento

neve_cemento

«Una volta, di là, si vedeva nascere il sole» dice nonno
Ramos, seduto sulla veranda. Muove la mano verso il
muro, come per salutare. Il bambino, che si chiama Zaki, lo
ascolta in silenzio.
Anche papà Uzak, quando sente parlare del muro, scuote
la testa:
«Ci sono voluti mesi per costruirlo» dice sottovoce. «Brutti
tempi quelli, i più brutti della mia vita».

In libreria da aprile 2018 un nuovo titolo di Rrose Sélavy per la collana Il Quaderno cartone: La neve non è cemento, scritto dal nostro autore Pino Pace.
La storia del giovane Zaki, della sua piccola famiglia e della loro casa posta lungo un confine. Ma che cos’è un confine per un bambino? Una barriera reale come un muro di cemento o piuttosto un limite immaginario?

neve_cemento1Fabio Stassi nella sua Introduzione scrive: «In poche pagine, asciutte e musicali, Pino Pace scrive una deliziosa fiaba prebabelica. Ci ricorda che un tempo tutta la terra aveva un medesimo linguaggio e usava le stesse parole».

Il testo è accompagnato dalle belle illustrazioni di Fabio Visintin.

Per lettori (e ascoltatori) dai 6 anni.

Giovedì 3 maggio a Torino, alle ore 10, nell’ambito del festival Matota. Le storie per bambini e ragazzi scendono in piazza, presenteremo La neve non è cemento a una classe di bambini.

Matota

matota-testata

 

Dal 2 al 6 maggio, a Torino, ci sarà Matota, il primo festival (ma più di un festival) dedicato alla letteratura per bambini e ragazzi che affronta gli aspetti più rivoluzionari della narrativa per i più giovani.

Siamo molti felici di potervi partecipare moderando due incontri, nella mattinata di giovedì 3 maggio: alle ore 10, in piazza Moncenisio, Pino Pace presenterà La neve non è cementoRrose Sélavy, per le scuole elementari, con Alessandra Papa; Carlo Greppi presenterà, invece, Bruciare la frontiera, Feltrinelli Editore, per le scuole superiori, con Cristiana Ferrari.

Piazze, strade, centri di aggregazione si riempiono di colori e di parole, di musiche, di risate per matote e masnà di tutte le età (p.s.: matota è una parola torinese che significa “bambina”).

Rassegna stampa (avanti così Matteo!)

 

La famiglia X di Matteo Grimaldi è uscito per Camelozampa solo lo scorso aprile.  Eravamo consapevoli del valore di questo piccolo grande libro (piccolo di dimensioni, grande di contenuti), ma il riscontro che ha avuto, e che si incrementa di giorno in giorno, il passaparola veloce, l’entusiasmo dei lettori, l’interesse degli addetti ai lavori (recensioni importanti nel giro di pochi mesi, su Andersen e l’Indice dei libri del mese per citarne un paio)… beh, tutto questo ci ha stupite e inorgoglite.

Pensiamo sia bello linkare qui la rassegna stampa degli articoli usciti, così che possiate rendervi conto di come La famiglia X stia navigando a vele spiegate.

Nuovi progetti frullano nelle nostre teste, sicure che Matteo sia pronto a regalarci tante altre soddisfazioni editoriali! A presto.

 

Calligrammi d’autore

calligrammi2

Da qualche giorno è disponibile la nostra nuova app “Indovinelli per calligrammi”, firmata Tarō digital ideas, il marchio “digital” di Rottermaier e Bianco Tangerine.

Si può scaricare una versione ridotta su Edook, la libreria digitale creata da PubCoder che raccoglie progetti realizzati per bambini e ragazzi, da insegnanti, educatori, studenti, creativi.

“Indovinelli per calligrammi” nasce a partire dai testi di Pino Pace, che da anni affianca all’attività di scrittura anche quella dei laboratori per bambini.

Noi ci siamo divertite a giocare con i calligrammi di Pino Pace sviluppando un’app che unisse il valore del componimento poetico (sotto forma di indovinello) a quello delle forme e dei colori, per stimolare nel bambino quante più funzioni sensoriali possibili.

Abbiamo scelto un font ad alta leggibilità e, grazie alla funzione “read aloud”, il testo può essere anche ascoltato.

Al momento, “Indovinelli per calligrammi” contiene quattro giochi diversi, scaricabili gratuitamente da iTunes (https://goo.gl/8QZpDo) e GooglePlay (https://goo.gl/KGkxJw).

Il nostro obiettivo è di trovare al più presto un editore che ci permetta di incrementare l’app con nuovi giochi e, perché no, di affiancarle anche una versione cartacea! Quindi, editori, se siete interessati alla nostra app, scriveteci qui: hello@tarodigital.com.

La famiglia X

La famiglia X_Matteo

La famiglia X_Matteo Grimaldi

Finalmente ad aprile in libreria il nuovo romanzo, edito da Camelozampa, del nostro autore Matteo Grimaldi, che ci regala un testo intenso e divertente che parla di famiglia, intesa nell’accezione meno tradizionale e più colorata del termine, come quel luogo (mentale e fisico) in cui semplicemente sentirsi bene. Un romanzo sui tesori nascosti intorno a noi, nelle persone che incontriamo per caso e che diventeranno la nostra vita.

La famiglia X – questo il titolo – sarà presentato mercoledì 5 aprile, a partire dalle ore 11, durante la Bologna Children’s Book Fair insieme alle altre, tante, novità editoriali di Camelozampa.

Matteo, intanto, lo trovate attivo su Facebook, qui.

La copertina è opera della brava illustratrice Annalisa Ventura.

 

Pino Pace

PinoPace

Diamo il benvenuto tra gli autori Rottermaier a Pino Pace, al momento con due titoli in rappresentanza (altri progetti sono però in lavorazione):

Storia di muri, una storia per lettori da 4 anni in su, in uscita nel 2017 per Rrose Sélavy nella collana Il Quaderno cartone.
Il portapenne malese, romanzo breve per lettori da 8 anni in su, una storia divertente e ricca di colpi di scena.

Pino Pace vive a Torino, laureato in lettere all’Università di Bologna, è autore di documentari per la radio e la televisione, e ha pubblicato più di trenta libri, tra romanzi, novelle, raccolte di poesie e mappe narrative.
Collabora con alcune riviste, realizza documentari per la radio e la televisione e tiene laboratori sulle pratiche della scrittura in scuole e biblioteche, in Italia e all’estero.
È tra gli animatori dell’associazione Babelica; di Scribarà, gruppo informale di autori di narrativa per ragazzi; ed è tra i soci fondatori di ICWA (Italian Children’s Writers Association).

Tra gli ultimi lavori pubblicati: L’ultimo elefante (Giunti, 2016); Dovè la casa di gatto Nerone? (La Spiga Edizioni/Lilliput, 2016); Di che colore sono le zebre? (Notes Edizioni, 2015); UniverZoo. Le incredibili avventure spaziali di Sam Colam e del professor Pico Pane (EDT/Giralangolo, 2011, tradotto in mandarino); Bestiacce! Le incredibili avventure di Sam Colam e del professor Pico Pane (EDT/Giralangolo,2010, tradotto in mandarino).

Una serie cartoon, tratta da Bestiacce! e UniverZoo, è in lavorazione presso lo studio Bozzetto di Milano.

Mastro Tasso e il suo cappello di Ilaria Mainardi

In libreria dal 10 maggio 2014, Mastro Tasso e il suo cappello di Ilaria Mainardi.
Una storia per bambini pubblicata da MdS Editore, con le illustrazioni di Andrea Guglielmino.

tasso

Romeo è uno scoiattolo curioso e diligente. Un giorno però mette da parte le raccomandazioni della mamma e si avventura nel bosco di Acerovecchio. Si metterà alla ricerca del misterioso Mastro Tasso, un animale solitario e dalle abitudini bizzarre.
Una storia delicata per giocare con le diversità e gli stereotipi. Un racconto sull’amicizia, capace di superare le convenzioni sociali, e sulla felicità, che si può trovare anche dove tutti gli altri non la vedono.

Ilaria Mainardi nasce e cresce a Pisa.
Appassionata da sempre di cinema ha all’attivo due monografie: The Day is Yours. Kenneth Branagh (Siska Editore, 2011); e Michael Fassbender. Il demone sotto la pelle (Vincenzo Grasso Editore, 2013).
Ha pubblicato inoltre una silloge poetica Passi sull’acqua (Edizioni Smasher, 2013), e un suo breve saggio critico è stato incluso nel cofanetto Omaggio a Pasolini. ’Na specie de cadavere lunghissimo, realizzato per la collana Senza filtro della Biblioteca Universale Rizzoli (BUR, 2006).

Sogni d’oro. La storia di Olivetti a teatro

Roberto Scarpa in scena in questi giorni con il suo Sogni d’oro. La favola vera di Adriano Olivetti.

RobertoScarpa
Uno spettacolo che racconta la storia, vera, di Camillo e Adriano Olivetti, di una fabbrica, di tanti uomini e donne che attraversarono il Novecento senza arrendersi, senza odiare nessuno, senza perdere mai i loro sogni. Una storia che oggi pare una favola a chi la incontri per la prima volta.

Testo teatrale scritto e interpretato da Roberto Scarpa, con scenografie e immagini di Teresa Rosalini, musiche e chitarra di Luca Morelli.

Le prossime date del tour di Sogni d’oro sono:
• Milano, Teatro dei Filodrammatici, 3 dicembre
• Suzzara (MN), Cinema Teatro Politeama, 5 dicembre
• Vicenza, Teatro Comunale 14 dicembre.

Se siete interessati a portare lo spettacolo nella vostra città e volete maggiori informazioni, potete contattare Roberto Scarpa all’indirizzo scarpateatro@gmail.com.
Oppure potete scrivere al nostro indirizzo info@rottermaier.it. Rottermaier sarà lieta di mettervi in contatto con l’autore.

Per restare aggiornati sulle prossime date dello spettacolo seguite la pagina facebook qui:
https://www.facebook.com/ilcoraggiodiunsognoitaliano

Dallo spettacolo teatrale è nato un libro per ragazzi e fanciulli di ogni età: Il coraggio di un sogno italiano (Scienza Express).
Prossime presentazioni: Trento 17 dicembre.

Matteo Grimaldi

Grimaldi_bordo

Tra gli autori rappresentati da Rottermaier, ci fa piacere presentarvi Matteo Grimaldi, scrittore aquilano che sta ultimando la stesura del suo prossimo romanzo. Nessuna anticipazione (per ora), solo la garanzia che anche questo lavoro, come i precedenti, non ci deluderà.

Matteo nasce nel 1981 a L’Aquila. Dopo una prima serie di pubblicazioni (dalla poesia ai racconti) composti prima del 2005, nel 2006 è la volta del suo primo libro Non farmi male, una raccolta di racconti pubblicata da Kimerik Edizioni. Grazie al favore della critica e al passaparola, il libro raggiunge la terza ristampa. L’eco arriva fino a Samuel Ghelli, docente di Italiano presso lo York College of New York che decide di inserire alcuni estratti nella pubblicazione Italian Language and Culture 2008, edizione americana di Barron’s da lui stesso curata. Il terremoto del 2009 a L’Aquila lo porta a Firenze, ospitato da cari amici, dove ultima la stesura di Supermarket24, per il gruppo editoriale Camelozampa, che segna l’esordio di Grimaldi nel romanzo. Nel settembre del 2010 la casa editrice ET/ET lo contatta attraverso il suo blog e gli propone una collaborazione. A fine gennaio 2011 esce Una valigia tutta sbagliata, una raccolta di racconti, cui segue un lungo tour di presentazioni. Nel 2012, su invito di Anna Albano, editor indipendente che lavora per alcune agenzie letterarie, scrive La vita delle cose che amiamo, un racconto pubblicato poi nella collana “Le Perline”, piccoli grani di editoria offerti ai lettori in formato pdf, da prelevare gratuitamente, editati dalla stessa Anna Albano e illustrati da Raffaella Valsecchi.

Matteo oggi è redattore del portale letterario Sololibri.net, per il quale recensisce nuove uscite editoriali e intervista scrittori all’interno della rubrica “4 Chiacchiere contate”. Inoltre, su Radio L’Aquila 1, emittente radiofonica locale, tiene la rubrica settimanale “Ciak si legge!”, dove parla di libri, autori, fiere ed eventi letterari di particolare rilievo nazionale o locale. Tramite il suo blog – MatteoGrimaldi.com – comunica ogni giorno con i suoi lettori che, nel corso degli anni, si sono affezionati alle sue storie e alla sua scrittura.

Tutto è monnezza di Antonio Castagna

In libreria dal 19 settembre, pubblicato da LiberAria, Tutto è monnezza. La mia dipendenza dai rifiuti di Antonio Castagna, autore rappresentato da Rottermaier – Servizi Letterari.
Un saggio appassionato e personale sul mondo dei rifiuti.

castagna_copertina

Sapete che esistono ben 839 nomi per catalogare i rifiuti?
E che nel nostro Paese ci sono 20 diversi modi, uno per ogni Regione, per calcolare la differenziata?
Siete convinti di conoscere tutti i possibili accorgimenti per una vita realmente ecosostenibile?
A queste e ad altre domande risponde il brillante saggio di Antonio Castagna, che per i rifiuti nutre una vera e propria dipendenza, quasi un’insana passione.
Tutto è monnezza ci conduce, sorridendo, attraverso le parole ‘rifiuti’, ‘riciclo’, ‘riuso’, e prova a riscrivere il significato più profondo di ‘monnezza’.
Una guida alternativa e divertente, ma soprattutto utile a chi voglia ricostruire il proprio catalogo affettivo di azioni (eco)compatibili con una ricerca del vero sé.

Antonio Castagna, siciliano, vive a Torino dal 2006 ed è un formatore manageriale. Si occupa di tutto ciò che ha a che fare con la vita dei gruppi, le relazioni in azienda, i processi collaborativi. Su tutto questo si fa un sacco di domande, ad alcune di queste prova a dare risposta in un blog, www.lavorobenfatto.blogspot.it.
Dal 2007 collabora con la Provincia Autonoma di Trento in attività di ricerca e formazione finalizzate a dar vita ad azioni di riduzione nella produzione dei rifiuti.
È membro di ManaManà (www.manamana.it), associazione che si dedica a progetti che mettono al centro la condivisione (di beni e saperi) e lo scambio.
È tra i fondatori di Polemos (www.polemos.it), associazione che si occupa di studio e ricerca sui conflitti.
Nel 2004 ha pubblicato un libro di racconti, Mappumi, edito da Nicolodi.
Nel 2008 insieme a Giuseppe di Bernardo ha realizzato un documentario dal titolo Teatri interrotti.
Nel 2011, con il fotografo Federico Botta, ha realizzato un reportage dal titolo Il lavoro dei Rom, su un gruppo di rovistatori, pubblicato nel volume Il futuro del mondo passa da qui, Scritturapura.